Home Recensioni Recensioni Film The Danish Girl: l'importanza di essere se stessi

The Danish Girl: l’importanza di essere se stessi

The Danish Girl trae la propria forza espressiva sia nel delicato tema che affronta, il film è infatti ispirato alla storia di Einar Wegener, transgender danese d’inizio Novecento, ovvero la prima persona a essere identificata come transessuale e a essersi sottoposta a un intervento chirurgico di riassegnazione sessuale con il nome di Lili Elbe, ma soprattutto nella peculiarità di aver ricavato il proprio materiale narrativo non da fonti originali (diari, epistolari e quant’altro), ma da una versione romanzata della vicenda di Einar/Lili realizzata da David Ebershoff nel 2000.

Il romanzo, molto bello, è il necessario pilastro del capolavoro cinematografico che è stato, poi, realizzato dal regista Tom Hooper.

Dopo l’Oscar per La teoria del tutto, Eddie Redmayne viene qui scelto per un altro ruolo di conflitto con le limitazioni del corpo, che possono essere fisiche ma anche e soprattutto mentali e psicologiche, nonché sociali di appartenenza, che sfociano in fobie, paure e soprattutto in una drammatica emarginazione.

Un’ interpretazione elegante, raffinata e sconvolgente che mostra nuovamente in tutta la loro intensità, le capacità artistiche, nonché recitative, del noto attore.

Una difficile ri-scoperta del proprio sé

Recensione The Danish Girl

Nella Copenaghen d’inizio Novecento, il giovane pittore Einar Wegener inizia per gioco a vestirsi da donna posando per i ritratti della moglie Gerda: gli abiti femminili gli danno un senso di comfort e appartenenza mai provato prima.

Dalle scene ricche di dolcezza e romanticismo si evince fin da subito la proficua collaborazione e intensa complicità che lega i due pittori; ciò sarà importante durante lo svolgersi della vicenda, nel lungo percorso emotivo ed emozionale che rivoluzionerà la vita e la realtà del protagonista.

Essere se stessi senza paura

A poco a poco Einar riscopre così la sua rimossa identità di genere, rendendosi conto di essere una donna confinata nel corpo di un uomo, dando vita a Lili, suo alter ego attraverso la quale si inizia a mostrare al mondo con una straordinaria credibilità femminile ma, al contempo, inizia per lui un calvario tra consapevolezza, rifiuto di sé, consulti medici e minacce manicomiali, senza rinunciare mai al sogno del cambio di sesso.

Le scene vibranti comunicano pienamente questo dolore interiore, questa consapevolezza sconvolgente, l’equilibrio perduto, la sensibilità di un animo ferito che cerca di riconciliarsi con se stesso e con un mondo che non lo accetta, trovando un’insperata ancora di salvezza nel mare in tempesta: la moglie, che continuerà ad amarlo fino alla fine, in un atto di amore e comprensione senza precedenti.

Prima gallery ufficiale per The Danish Girl

The Danish Girl: l’inizio di una rivoluzione anche medica

Solo l’incontro con un futuribile chirurgo, il dottor Warnekros, fa intravedere ad Einar la possibilità – fino a quel momento impensabile – del cambio di sesso. Egli dona al protagonista uno spiraglio di serenità, la speranza di potersi sentire finalmente se stesso e di mostrarsi al mondo per ciò che realmente è.

Questo è, a mio avviso, l’insegnamento più importante del film, che mi sento di evidenziare ulteriormente, nella speranza che tutti possano avere il coraggio nonché la libertà di potersi esprimere, senza discriminazione di alcun tipo, in una società che veda nelle diversità un punto di forza.

Sostenuto allora dalla moglie, che ormai è divenuta una tenera compagna, e dall’amico Hans, Einar diventa quindi Lili, ma purtroppo i mezzi di cent’anni fa non sono quelli attuali.

E troviamo, quindi, un finale struggente, commovente e duro, ma al contempo delicato e tenero, che ha per protagoniste “lacrime di gioia”.

Senza l’intervento dall’esito sfortunato, Einar si sarebbe comunque suicidato, mentre si apre così uno spiraglio nel mondo della medicina per coloro che mostrano il desiderio di liberare la loro anima da un corpo che non sentono appartenergli.

Considerazioni finali sul film

The Danish Girl è un film che attraverso la bellezza dell’arte, intreccia, crea e rivoluziona legami, emozioni e realtà. Tocca e sconvolge i sensi, l’animo stesso, ci obbliga ad emozionarci e ci fa riflettere.

Ho trovato davvero toccante e sconvolgente l’amore incondizionato di Gerda nell’accettare la trasformazione del marito, e nel non tirarsi indietro di fronte alla sofferenza dell’uomo che ama.

Un amore che trascende le convenzioni e ciò che viene considerato consueto e che abbraccia il cambiamento con forza e coraggio.

Costume Designers Guild Awards- Trionfano The Danish Girl e Mad ...

Sconvolgente anche il dolore e la conseguente rivoluzione nella vita della donna, che in un certo senso perde il marito, almeno per come era abituata a vederlo e conoscerlo e scopre un’altra persona con la quale si crea un legame altrettanto forte che sorregge Einar, ormai Lili, in un percorso tortuoso quanto fragile e franabile.

Bravissima Alicia Vikander nel dare vita ad un personaggio complesso, malinconico e ricco di sfumature, che ,non a caso, le è valso la statuetta come Miglior Attrice Non Protagonista.

C’è tanta consapevolezza e garbo nell’affrontare il tema, non facile, dell’identità di genere.

Sia il ruolo della donna che quello dell’uomo vengono descritti con rispetto, senza decadere nella retorica, e altrettanto bene la regia sottolinea questo passaggio dall’uno all’altro, la metamorfosi, con giochi di luce e costumi che ne enfatizzano ed esaltano la bellezza.

L'importanza di The Danish Girl per Eddie Redmayne ed Alicia Vikander

“Questa è una storia d’amore, sull’autenticità, sull’identità. Sul coraggio che serve per trovare se stessi, per essere se stessi”.

Eddie Redmayne
Danish Girl' looks great but lacks real emotion - The Boston Globe
Beatrice Luzi
Da sempre l'anima sensibile della festa! Cattura la mia attenzione tutto ciò che emoziona, stimola e appassiona; rifuggo l'ovvio, il banale e lo scontato. Alla continua ricerca di esperienze forti e ricche di significato che spesso ritrovo nei film, nelle serie tv e nella narrativa in genere. Mi sono avvicinata ulteriormente al mondo cinematografico durante gli studi da Make-up artist.

LEAVE A REPLY

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?
     
 
Please enter your name here

Ultimi Articoli

The New Mutants: 6 Personaggi in Cerca di… Trama!

Una cast ridotto all'indispensabile - solamente sei gli attori presenti - per un nuovo film targato Marvel...

Tanti Auguri Alberto Sordi! La Mostra per Festeggiare i suoi 100 anni

La mostra a Villa Sordi Il 16 settembre si sono aperte ai curiosi le porte di Villa Sordi,...

Tenet: Nolan Inverte il Trend (no spoiler)

Tenet, ultima fatica del regista Christopher Nolan – lo stesso della trilogia di Batman più famosa e riuscita, prima che il Progetto...

Cosa Vedere al Cinema a Settembre 2020

Quest’anno settembre è iniziato il 14! Tra gli ultimi sgoccioli di vacanze grazie al bel tempo, i pochi...
error: Il contenuto è protetto!