fbpx
HomeRecensioniRecensioni FilmMonster Hunter: dalla Console al Cinema

Monster Hunter: dalla Console al Cinema

Monster Hunter – senza alcun sottotitolo, e la cosa può suonare bizzarra – è il primo film basato sulla saga videoludica omonima.

Un esordio al cinema che era già pronto nel 2020, ma che si è concretizzato solo a giugno di quest’anno, causa rallentamenti covid.

Monster Hunter: buono il passaggio dalla console al grande schermo

La pellicola incarna in toto lo spirito del videogioco, poiché vede letteralmente un essere umano venir trasportato all’interno del mondo di Monster Hunter.

Qui la donna in questione, che per fortuna è una ranger (interpretata dalla dea androgina Milla Jovovich), dovrà confrontarsi con le regole del posto, popolato di mostri, creando armi e cacciando per poter sopravvivere.

In questo modo, si ritrovano le stesse dinamiche che qualsiasi videogiocatore dell’universo creato da Capcom deve affrontare quando accende la sua console.

La ricerca di modi per sconfiggere i mostri, il recupero di materiali dagli stessi per creare armi sempre più potenti in grado di sconfiggere nemici sempre più potenti rendono questo film una traposizione fedelissima del videogioco di partenza.

Lo stile del film Monster Hunter

Pur non essendo un horror – neanche lontanamente – è particolare come in Monster Hunter regni il jump scare.

Di fatto il film fa sobbalzare lo spettatore un numero infinito di volte, non solo all’apparire delle creature, ma anche nelle varie transizioni.

Grazie ad una serie di espedienti tecnici e narrativi, il film mantiene viva l’attenzione dello spettatore, tenendolo sempre sul chi va là, poiché in questo selvaggio e sperduto mondo il pericolo è sempre in agguato.

Una Caccia continua (SPOILER ALERT)

Come ogni altra opera basata o ispirata al mondo di Monster Hunter, – Basti vedere il fumetto del mangaka Hiro Mashima: Monster Hunter Orage – anche questo film si conclude con la rivalsa dei cacciatori che si scagliano contro qualcosa.

A dimostrazione che l’avventura non finisce mai, la pellicola lascia aperto il finale, presentando un nuovo nemico da dover affrontare.

Se l’avventura, di fatto, continuerà in un altro film, questo ancora non è stato deciso e solo il tempo potrà dircelo.

Conclusioni

Di per sé questo film non è un capolavoro, né un qualcosa che arricchisce in qualche modo chi ne prende visione. È chiaro che il fine ultimo dei produttori fosse il mero intrattenimento, indirizzato, per altro, ad una fan-base ben specifica, quella del popolare videogioco.

Giudicandolo su questa base, Monster Hunter può dirsi un b-movie pienamente riuscito.

Riesce sia nell’intrattenere, sia nel fare contenti i fan della saga, per la sua minuzia di particolari, soprattutto per quanto riguarda le creature.

E voi cosa ne pensate?

Siete anche voi fan del videogioco e vi ha soddisfatto l’adattamento sul grande schermo oppure avete di che recriminare?

Fatecelo sapere in un commento!

Valerio Cioccolini
Vi piacciono le serie tv? Andremo d'accordo. Non vi piacciono? Beh...andremo d'accordo ugualmente.

LEAVE A REPLY

AlphaOmega Captcha Cinematica  –  What Film Do You See?
     
 
Please enter your name here

Ultimi Articoli

error: Il contenuto è protetto!